La Spezia e i Musei

La Spezia è la seconda città più grande della Liguria ed ha il secondo porto militare più grande in Italia. E’ una città piacevole che può essere visitata in mezza giornata (circa 2 ore e mezza - 3 ore) nei suoi aspetti fondamentali ma che presenta anche una scelta di musei molto interessante e può quindi valere la pena fermarsi un po' più a lungo.


MUSEO ARCHEOLOGICO

CLICCA SULLA FOTO!

Chi è interessato alla storia del territorio della Lunigiana non può perdere la visita al museo archeologico allestito all’interno dell’antico castello di S.Giorgio.

MUSEO NAVALE

CLICCA SULLA FOTO!

Allestito all’interno dell’arsenale militare,  conserva una collezione di polene, torpedini, siluri, armi militari e oggetti della Marina Militare dall'Ottocento ad oggi, oltre ad oggetti della spedizione al Circolo Polare Artico del dirigibile Italia. 


MUSEO CAMEC

CLICCA SULLA FOTO!

L’edificio che ospita il museo risale ai primi anni del XX secolo ed era originariamente una scuola elementare e poi fu sede del Tribunale Civile e Penale. Venne quasi totalmente distrutto durante la seconda guerra mondiale e riedificato negli anni 50. 

Il Centro d’Arte Moderna e Contemporanea, o CAMeC, è stato inaugurato nel 2004 ed ospita raccolte permanenti della collezione Bartolini, con opere di Guttuso, Spinosa e altri, la collezione Cozzani, con millecentocinquantasette opere scultoree e pittoriche, donate da Giorgio e Ilda Cozzani nel 1999 e le opere del "Premio del Golfo", risalente al 1933, con opere di artisti, futuristi di seconda generazione. 

MUSEO LIA

CLICCA SULLA FOTO!

ll Museo ha sede nell’antico complesso conventuale dei frati minimi di San Francesco di Paola, insediatisi nella città di La Spezia attorno alla seconda metà del 1600,  il fabbricato è stato scelto quale sede museale dal 1990.

Il Museo Civico “Amedeo Lia” ospita una fra le più prestigiose raccolte internazionali: la collezione comprende oltre mille opere di grande varietà, dall'epoca classica, al tardo antico, al Medioevo e per finire al XVIII secolo. In particolare, i cosiddetti primitivi sono una vera gemma con oltre settanta tavole (tra esse Pietro Lorenzetti, Bernardo Daddi, Lippo Memmi, Lippo di Benivieni, Paolo di Giovanni Fei, il Sassetta); inoltre molte tempere e tele (fra cui Vincenzo Foppa, Pontormo, Tiziano, Tintoretto, Sebastiano del Piombo, Giovanni Cariani, Gentile e Giovanni Bellini, Bernardo Bellotto, Canaletto).

 


CI TROVI ANCHE SU...



Piazza Saint Bon 11, La Spezia

maisonsaintbon@gmail.com

+39-3319927128


Codici CITRA : 011015-LT-1514 / 011015-LT-0926 / 011015-LT-0927